Bivo – cibo d’emergenza outdoor

Vi è mai capitato di svegliarvi alle 2 di notte, guidare da Ravenna fino in Abruzzo, fare 5 ore di trekking e poi, una volta arrivati al rifugio, non poter entrare perchè l’ingresso è sommerso dalla neve. Beh, è quello che è successo ad Omar Cai Salatissimo. Oltre ad essere un tester Bivo, Salatissimo è uno dei più importanti influencer italiani in ambito outdoor e bushcraft (il suo canale https://www.youtube.com/channel/UCKTDHJJxfX8wTj67qOEf29g ad oggi conta oltre 15mila iscritti).

In una delle sue ultime escursioni, di cui trovate il resoconto sul suo canale youtube, Omar ha vissuto un enorme imprevisto. Dopo una marcia di oltre 5 ore, arrivato al bivacco Iaccio della Madonna in Abruzzo, ha ricevuto l’amara sorpresa che l’ingresso del bivacco era sommerso dalla neve. A questo punto Omar e i suoi compagni di viaggio non si sono persi d’animo ed hanno iniziato a cercare di spalare la neve che ostruiva l’ingresso. Dopo 3 ore di sforzo extra sono riusciti ad aprirsi un varco e ad entrare. Omar, come ci ha raccontato in un video pubblicato qualche settimana fa sulla pagine Facebook di Bivo, è riuscito a portare a termine la sua impresa anche grazie a Bivo. Ha potuto infatti scavare un varco nella neve senza pause grazie all’”innovative outdoor food”. Viceversa avrebbe dovuto trovare il modo, con poco tempo a disposizione prima del tramonto, di cucinarsi un pasto sostanzioso.

Come spieghiamo spesso, Bivo è un’ottima soluzione d’emergenza per chi va in montagna. In questi scenari gli imprevisti sono dietro l’angolo e anche il più esperto trekker può trovarsi a dover fronteggiare la variazione delle condizioni della propria escursione… Vuoi perchè il meteo è cambiato repentinamente, o perché si è trovato il passaggio di un sentiero chiuso o perchè si è scelta la strada sbagliata (a chi non è mai capitato).

Tra i nostri lettori ci sarà sicuramente qualcuno che per i propri trekking è affezionato al classico “panino con la soppressa”… Non ditelo a noi che siamo veneti… Oppure che sceglie la propria escursione in base all’offerta gastronomica di un determinato rifugio. Tuttavia anche al più tradizionalista degli escursionisti sarà capitato di dover mangiare camminando perchè ci si è attardati per fare qualche foto al paesaggio o perché non si è riusciti a tenere il passo che ci si aspettava (magari nelle prime escursioni stagionali). Beh anche a queste persone ci sentiamo di consigliare Bivo.

Una busta di Bivo pesa appena 114 grammi e vi fornisce oltre 440 calorie, una buona scorta energetica insomma. Bivo vi permette di re-idratarvi, nutrirvi e camminare nello stesso momento e inoltre, grazie alla sua specifica formulazione, avrete energia a rilascio costante sia nell’immediato che nel lungo periodo.

Questi sono ottimi motivi, e per noi sufficienti, per lasciare una busta di Bivo sul fondo del proprio zaino. E secondo voi?

P.S. Qualcuno dirà: “e lo shaker?”. Beh lo shaker che vi regaliamo è sicuramente utile in moltissime occasioni, ma non è necessario. Questo significa che potete usare in sostituzione dello shaker qualsiasi borraccia da mezzo litro o più. E chi affronta un trekking senza borraccia?