I percorsi più belli del Trentino

Stai leggendo questo articolo e non hai ancora provato a vincere Bivo? Cosa aspetti? Mandaci la recensione di un’escursione outdoor che ti è piaciuta  particolarmente e vinci 3 buste Bivo e il nostro fantastico shaker appositamente pensato per gli amanti dell’outdoor. Scrivi ad admin@bivo.it e vinci Bivo!

Il Trentino è una delle destinazioni estive preferite dagli amanti della vita outdoor. Per questo motivo la nostra rubrica sui più bei percorsi trekking d’Italia non poteva che continuare elencandovi un discreto numero di proposte sui trekking da fare mentre siete in vacanza in Trentino. Vi consigliamo innanzitutto di collegarvi su questo portale (https://www.visittrentino.info/it/guida/sport-estate/trekking) che elenca un’infinità di proposte nella Regione e, sulla base di una serie di criteri, potrete selezionare i percorsi più adatti alle vostre esigenze. Qui di seguito abbiamo selezionato una minima parte dei percorsi tra gli oltre 300 presenti (ci siamo limitati al Trentino, lasciando l’Alto Adige alla prossima puntata).

Cima Avez

Partiamo da un percorso facile (adatto alle famiglie e che si può percorrere in quasi tutti i mesi dell’anno) ma che ci permette di camminare in mezzo alla natura e di godere di panorami mozzafiato sia sull’Adamello che sul lago di Garda. Il percorso, al confine tra Trentino e Lombardia, si delinea su una vecchia strada militare, con un solo tratto di salita, che ci permette di immergerci in un giardino di biodiversità ricco di piante che crescono esclusivamente in questa zona.

Per saperne di più: https://lavolpesottolestelle.com/2016/04/27/da-tremalzo-a-cima-avez/

Trekking delle malghe del Passo Brocon

Vi proponiamo questo percorso perchè è facile, perchè ci piacciono i cibi genuini e naturali e perchè è poco distante dall’Altopiano di Asiago, le montagne per antonomasia dei vicentini. Questo percorso inizia e termina presso l’Agriturismo Arpaco ed è lungo appena 5 chilometri e mezzo con un dislivello positivo di nemmeno 300 metri. Ve lo consigliamo se volete concedervi una giornata in mezzo alla natura alla scoperta delle malghe e dei loro prelibati formaggi.

Per saperne di più: http://www.itinerarinvetta.it/passo_broccon.html

Escursione al rifugio del Velo

Aumentiamo di difficoltà, passiamo ad un medio livello per un percorso trekking che ci condurrà al rifugio del Velo della Madonna che si trova alla pendice della Cima della Madonna, una delle vette più famose del gruppo di San Martino. Per questo percorso ci siamo affidati alla precisa e puntuale recensione di Andrea del blog Ritorno alle Origini, che per raggiungere il rifugio è partito da Malga Civertaghe ed ha seguito il sentiero 713. Un’alternativa, proposta dal sito che vi abbiamo linkato all’inizio, è quella di partire dalla stazione dell’impianto Col Verde di San Martino di Castrozza e di imboccare la strada forestale 702, proseguire sul sentiero 721 fino che questo non incrocia il sentiero 713 per poi seguirlo fino al Rifugio.

Per saperne di più: https://ritornoao.wordpress.com/2015/09/07/escursione-al-rifugio-del-velo/

I laghi del Cevedale

Passiamo ad un nuovo percorso con un grado di difficoltà maggiore ma dai paesaggi veramente incantevoli per chi come noi ama i laghi di montagna e i ghiacciai. Si tratta di un percorso ad anello nel cuore del Gruppo del Cevedale circondati dalle meraviglie del Parco Nazionale dello Stelvio: il Trekking dei Laghi.

Durante il percorso si possono infatti vedere ben cinque laghi. Il punto di partenza è in località Malgare in val di Pejo, da cui si inizia a salire con un tratto poco impegnativo e circondati dai ruscelli. Arrivati al rifugio Lacher (2600 metri) si ha una visione stupefacente del Gruppo del Cevedale e dei suoi ghiacciai. Proseguendo si potranno vedere: il lago delle Marmotte, il lago Lungo, il lago Nero, il lago Careser e il lago della Lama. Oltre ai laghi se siete fortunati avrete la possibilità di vedere anche qualche camoscio (incrociate le dita).

Per saperne di più:  https://www.planetmountain.com/it/notizie/trekking/rifugio-larcher-lago-delle-marmotte-e-lago-lungo-trekking-nel-gruppo-del-cevedale.html

Giro delle Dolomiti di Brenta

Uno degli scenari più caratteristici del Trentino è il parco naturale Adamello Brenta, la più vasta area protetta del Trentino. Questo parco comprende a est l’intero gruppo di Brenta, formato da rocce dolomitiche e i massicci granitici dell’Adamello Presanella. Il parco è un territorio ricco di biodiversità. Sono stupefacenti sia la flora -sono presenti nel parco stelle alpine, gigli martagone, rododendri e molte altre specie – che la fauna – la popolazione comprende orsi, caprioli, cervi, camosci, stambecchi, marmotte, scoiattoli, volpi e molti altre specie animali.

Il percorso che abbiamo scelto in questa zona vi farà faticare tra le guglie delle Dolomiti di Brenta (patrimonio dell’Unesco) e permette di raggiungere i rifugi Casinei e Tuckett. Il punto di partenza è posto a Madonna di Campiglio (1522 metri), quello di arrivo il rifugio Tuckett (2272 metri).

Per saperne di più: https://www.visittrentino.info/it/tour/dolomiti-di-brenta_22454049#dmdtab=oax-tab3

Giro delle cime – valle di Ledro

Se vi trovate in valle di Ledro c’è una passeggiata, ma questa volta molto impegnativa, che vi permetterà di vedere le cime più alte di questa valle:  Pichea, Tofino, Doss de la Torta, Gavardina, Corno dei Guì, Corno di Lomar, Roda, Cadria. Il percorso è di oltre 25 chilometri con 2500 metri di dislivello positivo ma vi permetterà di ammirare l’Adamello, il Brenta, le Dolomiti e la valle di Ledro.

Per saperne di più: https://www.visittrentino.info/it/tour/giro-delle-cime_27150962#dmdtab=oax-tab3

Giro delle cime – Monte di Mezzocorona, Valle dell’Adige e Val di Non

Altro giro altra corsa. Stavolta vi proponiamo un percorso di 13 chilometri che ha come punto di partenza il monte di Mezzocorona e vi permetterà di vedere stupendi panorami sulla Valle dell’Adige e sulla Val di Non. Il Sentiero Giro delle cime (SAT 500-518-507-500) necessità di circa 7 ore di cammino visti i 1000 metri di dislivello positivo ed è consigliabile solo a chi ha una discreta abilità ed esperienza ma vi lascerà senza fiato dandovi la possibilità di godere di una vista a 360° sui principali gruppi montuosi della Regione.

Per saperne di più: http://www.satmezzocorona.it/index.php/utilita/sentieri/63-sentiero-giro-delle-cime-sat-500-518-507-500